Gone Girl di David Fincher

Postato il Aggiornato il

-Due biglietti per Gone Girl grazie. -Jimmy’s Hall? -No, Gone Girl. -Eh non ce lo abbiamo, ha sbagliato cinema. -Vabbè, allora 2 biglietti per L’Amore Bugiardo. -Bene, eccoli a lei. 

Nel post precedente ho stilato una lista di registi che ritengo ingiustamente acclamati, se quella lista l’avessi stilata nel 2009 in cima ci sarebbe stato un solo nome: DAVID FINCHER.

Alien 3, Fight Club, Panic Room e Benjamin Button quattro film mediocri che anche sommati al carino Se7en non giustificavano la fama di un regista che, ad eccezione di Zodiac, fino a quella data aveva dimostrato ben poco per meritarsela. Poi nel 2010 esce The Social Network e tutto cambia compresa la mia opinione. Il parere sui film precedenti è immutato, ma su di lui mi sbagliavo, è bravo, è fottutamente bravo. E Gone Girl ne è una palese dimostrazione.

Nick Dunne esce di casa, al suo rientro sua moglie Amy è scomparsa. In casa i segni di una colluttazione e qualche macchia di sangue. Qualcosa non torna. Nick è spaesato, solo all’apparenza preoccupato e con il procedere delle indagini il principale indiziato diventa lui. Il mondo piange Amy e punta il dito contro il freddo e distaccato marito.

Un thriller che prende a piene mani da Il Sospetto di Hitchcock per dar vita, in tutta la prima parte del film, ad un crescendo di dubbi e domande che si insinuano nello spettatore. In un continuo ribaltamento della figura di Nick, da stupido inconsapevole a cinico bugiardo, da affettuoso marito a persona insensibile; Fincher depista e semina sospetti con dovizia e bravura, senza sfigurare di fronte al grande cineasta inglese. Il tutto fino al colpo di scena che arriva inaspettatamente a metà film. Non potendo dirvi molto di più onde rischiare lo spoiler, in un film dove l’intreccio narrativo è l’essenza della visione, mi limito a dare una lucida e veloce analisi.

Se la prima parte era un congegno perfetto di tensione e mistero, nella seconda tutto verrà svelato senza tralasciare nessun dettaglio. Vi troverete a riconsiderare le vostre opinioni a rivedere le posizioni prese, e purtroppo vi lascerete andare a previsioni sul finale invece di lasciarvi guidare. Questa eccessiva insistenza di spiegare ogni cosa dissolve il thriller, abbandona la presa sullo spettatore, e depotenzia in parte l’effetto finale.

Poteva diventare un film senza particolari meriti, con una sceneggiatura dagli ottimi spunti ma focalizzata sul congegno e alla sua risoluzione, eppure nelle mani di David Fincher tutto riesce inaspettatamente ad ottenere un ritmo e una bellezza intrinseca a cui è difficile resistere. La leggerezza delle inquadrature che passano da virtuosi carrelli a primi piani intensi, in un continuo di flash back veri o falsi che siano perfettamente sincronizzati con il resto della storia, e infine una fotografia straordinaria di cui si potrebbe parlare per ore.

Al di fuori di queste considerazioni tecniche resta la cosa che più mi ha colpito. Gone Girl riesce a farci porre delle domande al di fuori del film, ci fa interrogare sulle persone che abbiamo accanto e su noi stessi. Lei o lui sono veramente come le vediamo o sono solo il frutto dei nostri desideri e le nostre speranze? All’uscita sarà difficile guardare il vostro partner senza nessun punto interrogativo. Perché la verità è che  nessuno è bianco candido, ma tutti sono sfumati e chi più chi meno tendente al nero.

PS: Con il bene che gli voglio chiaramente Ben Affleck non è Cary Grant.

PSS: Amici maschi se avete ancora dubbi, vi segnalo che ad una certa c’è il topless di Emily Ratajkowski.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...