Blackhat di Michael Mann

Postato il Aggiornato il

Amici complottisti e pentastellati mentre rivolgete le vostre attenzioni a falsi problemi come gli alieni, il signoraggio bancario e le scie chimiche; là fuori a vostra insaputa si sta consumando la più grande bugia del 2015.

5,6 su Imdb. 34% su Rotten Tomatoes. Un incasso vergognoso in patria e nel resto del mondo. E’ brutto brutto dicevano.

E’ un film di Michael Mann dico io!

Quando esce il nuovo film di Michael Mann TU lo vai a vedere. Non esiste proprio che ti fai convincere da recensioni o voti o altri motivi. TU a Michael gli porti rispetto e corri al cinema più vicino, fosse anche a 50km, ti piazzi in sala e guardi. Il film, non il cellulare. Poi una volta uscito se vuoi ne parliamo.

Parliamo del fatto che Blackhat è un film della madonna.

Inizio io così evitate di controbattere a caso.

Michael Mann non gira semplicemente, lui crea e trasforma la materia narrativa a suo piacimento. Quello che sulla carta è una sceneggiatura classica, con qualche buco di trama, e una struttura a capitoli abbastanza prevedibile, diventa un thriller iperrealistico dai netti contorni d’autore. Una fotografia fredda dominata da colori saturi. Ralenty mixato a camera a mano e montaggio sincopato. Dialoghi lenti ed esplosioni violente. Blackhat ti prende e ti porta a spasso per 2 ore e un quarto. Non è tanto la la caccia al cyber criminale in giro per il mondo, o la storia d’amore, è quello che vedi che ti lascia senza parole. E’ la capacità innata di un regista di stare avanti a tutti, di girare inquadrature e montare intere sequenze con un piglio mai visto. Così come fu per Collateral Michael Mann impone un altro tassello fondamentale per il rinnovamento nel genere del Neo-Noir/Thriller.

In quelle poche scene d’azione avrete il cuore in gola, le orecchie sanguinanti e gli occhi sgranati a mille. Ansia, adrenalina, paura, tutti stati d’animo che vi assaliranno durante la visione. Momenti ben dosati e straordinari, a corredo di una storia tanto attuale quanto reale. Un contesto dove volano pallottole e deflagrano bombe inaspettate, il tutto mentre lo scontro vero e proprio avviene da dietro un computer.

Non un capolavoro, non il miglior Mann. Ma in ogni caso una spanna sopra tutti.

Servono ulteriori motivazioni?

Donne ci sta Chris Manzo Hemsworth con i pettorali al vento. Uomini non lasciatevi fregare dal trailer, ci stanno sparatorie fighissime.

Annunci

2 pensieri riguardo “Blackhat di Michael Mann

    blahh557 ha detto:
    10 settembre 2015 alle 15:35

    “Una spanna sopra tutti” ‘sta roba? Ma per favore…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...