Inferno di Ron Howard

Postato il Aggiornato il

Ho pure trovato la sala sold out al primo colpo.

58780_ppl

L’immagine qui sopra dice già tutto. Se poi aggiungete pure la parola Inferno avrete il quadro completo della vostra esperienza in sala. Uno dei film più brutti che mi sia capitato di vedere al cinema negli ultimi anni. Il terzo capitolo della saga con Robert Langdon, tratto dai libri omonimi di Dan Brown, riesce ad andare oltre la bruttezza dei precedenti. Insomma: una merda.

Smarcato il giudizio, vi elenco un po’ di punti a caso:

-L’inizio è devastante, mezz’ora di flashback misti a immagini sfocate con nonno Tom Hanks che sbatte da tra porte, sedie e comodini.

– Dagli uffizi sparisce un manufatto, e all’arrivo della polizia appare Don Pietro Savastano che a mio avviso dice: ce ripigliamm tutt chell che è u nuostr.

-La trama non ha un senso, il colpo di scena è telefonato e ad una certa parte una storia d’amore che ti addormenti, e infatti io mi sono addormentato.

-Il soffito del salone del 500 di Palazzo Vecchio viene sfondato e Robert Langdon, amante e storico dell’arte, non batte ciglio. Roba che Indiana Jones, a dimostrazione di come si scrive bene un personaggio, avrebbe sbroccato.

-Ron Howard riesce nell’impresa di fare giusto una bella cartolina turistica per Firenze, per il resto è imbarazzo a qualsiasi livello. Ma come cavolo fai a sperare di tirare fuori un bel film da una sceneggiatura così sballata…

Annunci

Un pensiero riguardo “Inferno di Ron Howard

    Best of 2016 « Ventiquattro Istanti al Secondo ha detto:
    1 gennaio 2017 alle 15:18

    […] Inferno di Ron Howard. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...